Vivere senza gioia: normalizzare lo sconforto

Vivere senza gioia non è vivere, è sopravvivere. Quando normalizziamo una vita senza quella sensazione che solletica la nostra anima e il nostro cuore, ci limitiamo a navigare nello sconforto, su quella superficie dove i sogni o le seconde possibilità non si adattano più.

Vivere senza gioia: normalizzare lo sconforto

Vivere senza gioia è come esistere senza sentire il battito del proprio cuore, l’impulso dell’entusiasmo, la molla della speranza quotidiana. Al di là di quello che possiamo credere, ci sono molte persone che normalizzano questa mancanza, riducendosi così allo sconforto cronico.

Si percepisce che manca qualcosa ma alla fine, molti si abituano a questo vuoto, forse supponendo che ci siano treni che non passeranno mai più o per i quali non avranno un biglietto.

La gioia è un sentimento che non è sempre ben compreso. Lo associamo all’effusività emotiva, alle risate, al movimento, alla connessione con i nostri cari attraverso momenti piacevoli. Tuttavia, è importante sottolineare che questa dimensione molto umana va molto oltre.

Johnmarshall Reeve, docente  di psicologia positiva all’Università di Melbourne, spiega che la felicità è sinonimo di benessere psicologico.Possiamo sperimentarlo ogni giorno in modo semplice, semplicemente godendo di ciò che facciamo, di ciò che siamo e di ciò che abbiamo.

Grazie a questa sensazione, la nostra memoria migliora, ci prendiamo cura della nostra flessibilità cognitiva e persino favoriamo la creatività e diamo forma a soluzioni più innovative ai problemi.

Cosa succede allora quando manca questa dimensione? Che cosa succede quando non sentiamo più il solletico della gioia? Ci si lascia andare una parte essenziale di noi stessi, quella a cui sono legate l’autostima, l’identità e la nostra capacità di essere felici.

“I migliori medici del mondo sono: Dr. Gioia e Dr. Tranquillità.”

-Jonathan Swift-

Vivere senza gioia: una malattia che non fa rumore

C’è un vecchio detto che dice che la gioia è l’ingrediente principale del composto della salute. Ed è proprio vero. È stato pubblicato un sondaggio Gallup sullo stato emotivo della popolazione mondiale, dove paesi come gli Stati Uniti e la Grecia hanno rivelato che più del 50% della popolazione si sente stressata, ansiosa e con la chiara sensazione di aver perso la gioia di vivere.

Inoltre, un terzo della popolazione di queste zone dice di provare rabbia e un sentimento costante di collera. Tutto questo si ripercuote anche sulla loro salute. Questo livello di stress e di insoddisfazione emotiva si traduce spesso in malattie cardiovascolari, un sistema immunitario più debole, malattie psicosomatiche, ecc.

Vivere senza gioia non è una buona prospettiva per il benessere umano, eppure sembra che questa mancanza di gioia si manifesti sempre più frequentemente. Dunque, quale sarà la ragione di questa scioccante realtà psicologica? Il sondaggio Gallup suggerisce che ci sono diversi elementi che contribuiscono a questo fatto.

Dimensioni “macro” in una società senza gioia

Il termine “macro” si riferisce a quell’entità più grande che va dal sociale, al politico, all’economico. Che ci piaccia o no, queste macro strutture hanno un impatto diretto su di noi e sulla nostra vita. E lo fanno in modi diversi:

  • Limitando il nostro senso di libertà.
  • Ponendo il veto al nostro sviluppo personale ostacolando l’accesso a lavori di qualità, ad un alloggio migliore, a farci sentire realizzati.
  • Generando sfiducia. Oggi la gente non ha più fiducia nei propri politici o nell’economia. L’incertezza sembra permeare tutto.

Dimensioni “micro”, quando si è responsabili del proprio benessere

Vivere senza gioia risponde, per la maggior parte, a quei “micro” processi di cui siamo gli unici responsabili.

  • Perdiamo l’impulso dell’entusiasmo per la vita quando non abbiamo gli strumenti per gestire lo sconforto, quando permettiamo allo stress di prendere il sopravvento.
  • Lasciamo andare la nostra gioia quando scegliamo di essere immobili. Quando non si reagisce a ciò che non piace. Quando non si ha il coraggio di spingere per il cambiamento, quando sorgono infelicità, frustrazione e delusione.
  • La gioia si spegne quando viviamo con persone che limitano la nostra crescita personale, dove l’affetto non è sincero, dove non c’è rispetto e non si crea un senso di benessere nel condividere la vita, gli spazi o i progetti comuni.
  • Anche fattori come la solitudine, la mancanza di uno scopola mancanza di speranza e la bassa autostima contribuiscono a mediare questo sentimento.

Cosa possiamo smettere di vivere senza gioia?

Vivere senza gioia significa limitarsi a sopravvivere a malapena, senza entusiasmo, motivazione o energia. Questi stati possono senza dubbio portarci alla frustrazione, dove nasce quel sentimento a metà strada tra la rabbia e la tristezza che è così difficile da gestire. Nessuno merita questo tipo di triste realtà.

  • Ecco un primo passo per affrontare questo processo. Partiamo dal presupposto che, in un certo senso, non si possa far nulla per le condizioni “macro”. L’economia, la politica, gli eventi sociali non sono sempre sotto il nostro controllo. Tuttavia, la dimensione “micro” ci appartiene, siamo i proprietari e i padroni di quei micro-universi personali dove possiamo fare piccoli cambiamenti che avranno un impatto sul nostro benessere.
  • La gioia può essere recuperata assumendo nuovi obiettivi, cambiando gli scenari e anche le persone. L’essere umano può ricominciare tutte le volte che è necessario e in ogni cambiamento, bisogna avvicinarsi alla propria versione migliore, per sintonizzarsi con i propri bisogni autentici e obiettivi vitali.
  • La gioia non arriva con un premio alla lotteria, né è soggetta a beni materiali. La gioia è soprattutto la soddisfazione personale, è il benessere che emerge quando facciamo ciò che ci piace, quando la nostra autostima è forte e continuiamo a mantenere la curiosità e la capacità di meraviglia di un bambino.

Infine, ma non meno importante, dobbiamo ricordare che questo sentimento cresce e si espande quando ci sentiamo sostenuti, amati; quando incontriamo quelle persone brillanti che rendono facile la convivenza.

Non esitiamo, dunque, a favorire i cambiamenti che riteniamo necessari affinché questo sentimento essenziale pervada la nostra vita. 

Fonte: https://lamenteemeravigliosa.it/vivere-senza-gioia-normalizzare-lo-sconforto/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close