Neuroestetica: capire l’arte con la scienza

Questa recente disciplina, chiamata anche neuroarte, accosta il sapere e le tecniche della neuroscienza all’arte.

La neuroestetica getta un ponte tra due rami affascinanti del sapere, la neurologia e l’arte. In questo articolo ne approfondiamo la relazione, cercando di capire, ad esempio, perché sentiamo attrazione per un determinato oggetto o viso.

Da secoli domande come “Che cos’è l’arte? Come percepiamo la bellezza? Che cos’è il bello?” sono fonte di riflessione. A quanto pare, da una decina di anni, la neuroestetica cerca di darvi una risposta. Questa recente disciplina, chiamata anche neuroarte, accosta il sapere e le tecniche della neuroscienza all’arte.

A molti di noi sembrerà assurdo quantificare e misurare l’arte; lo scopo di questa corrente di pensiero, tuttavia, è scoprire cosa accomuna le opere d’arte. Si spera di capire cosa succede nel nostro cervello quando entriamo in contatto, attraverso i sensi, con un’espressione artistica o durante il processo creativo.

Donna davanti a un quadro

Neuroestetica: qual è il senso?

Da un punto di vista fisiologico, la risposta estetica potrebbe risiedere in una forma specifica di attrazione. Questo può avvenire nei confronti di oggetti, persone, colori, idee, etc.

L’attrazione o l’avversione hanno un ruolo fondamentale nell’evoluzione della nostra specie e i suoi benefici sono evidenti. Per esempio, siamo programmati per essere attratti dai colori degli alimenti sani (mentre siamo disgustati dagli alimenti che hanno un colore alterato, come la frutta marcia). Sentiamo, inoltre, più attrazione nei confronti di alcuni volti e siamo, in generale, più svegli nell’identificare i microgesti che ci aiutano ad avere successo in campo riproduttivo.

D’altra parte, l’arte è una questione di sensi e questi dipendono dal cervello.Quindi è indubbio che a livello cerebrale si possono trovare segnali che indicano il nostro gradimento.

Com’è possibile?

I principali risultati in questo campo derivano da ricerche combinate. I primi dati sono stati raccolti osservando i processi cognitivi e il comportamento in persone con lesioni cerebrali.

Sono stati condotti, inoltre, studi di neuroimaging e sono stati raccolti giudizi positivi o negativi su opere d’arte. Infine, si è osservata la reazione del cervello di fronte alle diverse espressioni artistiche (danza, musica, pittura, etc.).

Gli studi nel campo della neuroestetica fanno principalmente uso della risonanza magnetica funzionale, la quale permette di raccogliere informazioni sulle zone che si attivano durante un’attività e sapere con quale intensità. Alcuni studi utilizzano tecniche diagnostiche come l’elettroencefalogramma.

Cosa si può sapere attraverso la neuroestetica?

Uno studio condotto nel 2007 da una equipe di neurologi ha cercato di capire se la bellezza sia una questione del tutto soggettiva. A tale scopo, a soggetti all’interno di una macchina per la risonanza magnetica funzionale sono state mostrate immagini scultoree del periodo classico e del rinascimento. Da una parte, sono state presentate le riproduzioni originali, dall’altra le stesse sculture con le proporzioni modificate.

Gli intervistati dovevano dire se le trovavano belle e, in seguito, esprimere un giudizio sulle proporzioni. Quanto è emerso è che durante l’osservazione delle immagini delle sculture originali si attivava l’insula. Questa regione del cervello è particolarmente collegata al pensiero astratto, alla percezione e alle decisioni.

Oltre a questo, quando l’intervistato trovava bella un’immagine, era possibile vedere l’attivazione della parte destra dell’amigdala. Si tratta di un’area del cervello importante nell’elaborazione delle emozioni, soprattutto la soddisfazione e la paura.

Secondo un altro studio, invece, la percezione del bello o del brutto avviene nella stessa area (corteccia orbitofrontale). La differenza risiede nell’intensità dell’attivazione.

Amigdala

Non tutto è cervello

Ciò nonostante, come è ovvio, non tutto è nel cervello. Percepire la bellezza, essere attratti da un certo tipo di arte è anche una questione culturale. Per questo motivo è essenziale tenere conto del contesto sociale e culturale prima di trarre conclusioni su ciò che consideriamo bello.

Ad esempio, uno studio di neuroestetica ha potuto osservare che le opere mostrate ai partecipanti con l’indicazione di provenienza del MoMA (Museo di Arte Moderna di New York) venivano percepite più belle delle opere di provenienza sconosciuta. Tuttavia, a prescindere dai fattori culturali, è appassionante vedere che due opere diverse possano provocare lo stesso effetto sul cervello di persone diverse.

 

Fonte: https://lamenteemeravigliosa.it/neuroestetica-capire-larte-con-la-scienza/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close