La schizofrenia: cosa fare se un amico ne soffre?

Stare vicino a una persona con schizofrenia può spaventarci, e molto. Si tratta di un’entità clinica che la società non comprende molto bene, e che allo stesso tempo è circondata da miti. Pertanto, in questo articolo, vogliamo parlare di alcune strategie che potrebbero essere utili.

Prima di approfondire la questione di fondo, è necessario comprendere le modalità in cui si articola la schizofrenia. È una malattia che colpisce l’1% della popolazione mondiale e non dipende dal genere; colpisce allo stesso modo uomini e donne. I primi sintomi iniziano ad apparire nell’adolescenza o poco dopo: in gioventù. Può essere una malattia cronica, ma può anche essere un singolo episodio e il tuo supporto e comprensione saranno senza dubbio un fattore chiave.

L’evidenza scientifica ci permette di giungere a una conclusione: la schizofrenia non è una singola malattia, ma un gruppo di malattie che, sulla base di sintomi comuni, differiscono nel modo in cui rispondono al trattamento e nella loro prognosi.

“Circa l’1% della popolazione sviluppa disturbi schizofrenici per tutta la vita. Si stima che ogni anno vengano diagnosticati dai 15 ai 30 nuovi casi ogni 100.000 abitanti”.

-Bernardo-

La schizofrenia è un grave disturbo mentale che colpisce il modo in cui una persona pensa, sente e si comporta.

La schizofrenia

Le persone con schizofrenia sperimentano una drammatica distorsione nei loro pensieri, sentimenti, linguaggio e comportamento. Possiamo distinguere una serie di sintomi dall’osservazione dei consulenti. Quando questi sintomi si trovano in eccesso, cioè più potenziati del normale, li chiamiamo “sintomi positivi” e quando sono inferiori a quanto dovrebbero essere “sintomi negativi”.

  • I sintomi positivi sarebbero quelli che aggiungono qualcosa di nuovo alla vita psicologica del tuo amico. Sarebbero allucinazioni (normalmente sentire voci che parlano tra loro) e delusioni (idee incredibili e fantastiche non condivise da nessuno).
  • I sintomi negativi sono quelli che implicano la perdita. Potresti aver notato che il tuo amico è stato in grado di isolarsi. Lo noterai egocentrico, distratto nella sua cura personale, abbandonando gli hobby che amava, indifferente nelle sue relazioni sociali e amorose. Forse hai notato che il suo corpo è paralizzato.

Solitamente compaiono per primi alcuni sintomi, detti prodromi, che consistono in un primo deterioramento cognitivo. Successivamente, i sintomi positivi compaiono con tutta la loro intensità, per lasciare il posto ai sintomi negativi. A volte la sequenza si ferma qui. In altri casi, la sequenza sarà prodotta sotto forma di focolai. Sono rotture psicotiche.

L’American Psychiatric Society (APA) sostiene che per diagnosticare la schizofrenia è necessario che i sintomi positivi durino un mese e che l’intero quadro, cioè la somma dei sintomi positivi e negativi, duri almeno 6 mesi.

“L’incubo della schizofrenia è non sapere cosa sia vero.”

-Una mente straordinaria-

Cosa faccio se un amico ha la schizofrenia?

Per prima cosa elimineremo alcuni miti frequenti in relazione alla schizofrenia:

  • “La schizofrenia è per la vita.” È un mito perché c’è una grande varietà nel corso e nell’esito dei disturbi schizofrenici.
  • “Le persone con schizofrenia sono simili.” È un mito perché, come il precedente, c’è una grande diversità. La storia personale dipende da fattori individuali e dal contesto, e non tanto dalla malattia.

E poi, ancora…

  • “Sarò in grado di aiutare il mio amico solo quando sarà medicato.” È un mito perché l’aiuto, la terapia e la riabilitazione devono partire dal primo momento.
  • “La psicoterapia è inutile nella schizofrenia. Solo i farmaci sono importanti”. È un mito perché è scientificamente provato che intervenire attraverso la psicoterapia sotto certi aspetti esercita grandi miglioramenti.
  • “Possiamo convincerlo a prendere le sue medicine solo se sono sempre all’erta e monitoro quello che fa”. È un mito perché le persone con schizofrenia possono essere educate e quindi sviluppare abitudini di cura di sé.
  • “Le persone con schizofrenia non possono lavorare.” È un mito perché, con l’aiuto, possono essere riabilitati e reintegrati socialmente.

Raccomandazioni per l’accompagnamento

Stabilita la diagnosi dal professionista autorizzato, alcuni comportamenti possono essere segnali di allarme. Questo elenco contiene solo alcuni esempi generali. Come amico, dovrai incontrare i familiari della persona con schizofrenia per stilare un elenco in quanto ti consentono, come squadra, di riunirti tutti per aiutare:

  • Cambiamenti nel ritmo del sonno e nelle normali attività.
  • Atteggiamenti sospettosi o reticenti.
  • Essere molto preoccupati per circostanze irrilevanti.
  • Dare un’importanza insolita alle notizie o ai commenti dei media.
  • Sii ossessionato dagli aspetti religiosi.
  • Sentirsi oggetto di attenzione da parte di estranei o estranei, non correlato alla persona.
  • Abbandono dell’igiene personale o delle abitudini di cura di sé.
  • Rimani isolato e egocentrico più a lungo.

“La schizofrenia non può essere compresa senza comprendere la disperazione.”

-Laing-

Ascoltare e mostrare affetto alle persone con schizofrenia è molto utile.

Di fronte a questi sintomi possiamo adottare alcuni atteggiamenti utili come:

  • Assicuratevi che il farmaco antipsicotico sia stato assunto nella forma e nel dosaggio prescritti.
  • Chiedete di anticipare il consulto con lo psichiatra.
  • Se il vostro amico è molto irascibile, irritabile o sospettoso, è meglio lasciarlo e aspettare che si calmi prima di parlare.
  • Usate argomenti di suo interesse, sono un buon modo per parlare e quindi sapere come sta. Non spingete troppo per cercare di ottenere informazioni, è probabile che nemmeno il vostro amico lo saprà. Pertanto, potreste sentirvi confusi e disorientati.
  • Ascoltatelo. Ascoltate in ogni momento quello che dice. Anche se non siete d’accordo o dici cose pazze.
  • Rispondi più dal sentimento che dal contenuto. Cioè, non lasciare che il dialogo si fermi nel confronto. Questo non significa che tu vada d’accordo, dobbiamo insistere sul fatto che non possiamo accettare quell’idea, ma, allo stesso tempo, chiarire che ci rendiamo conto che siamo consapevoli della loro sofferenza e che dietro le loro parole non c’è intenzione di ingannarci.
  • Mostragli affetto.
  • Abbi pazienza e tolleranza.

La schizofrenia: riflessioni conclusive

Inoltre, i genitori del vostro amico devono creare una forte alleanza tra loro per sostenersi a vicenda, e quindi essere in grado di unire le forze per prendersi cura del loro bambino. Nei momenti in cui questa alleanza fallisce, il tuo aiuto diventerà più necessario. E se la situazione ti travolge e inizi a percepire disagio emotivo, stanchezza, stress o ansia, non esitare a contattare il tuo professionista di riferimento. Sarà anche in grado di aiutarti.

Inoltre, qui vi lasciamo una guida dove trovare maggiori informazioni sulla malattia da cui è affetto il vostro amico.

continua a leggere l’articolo fonte https://lamenteemeravigliosa.it/la-schizofrenia-cosa-fare-se-un-amico-ne-soffre/

Un pensiero riguardo “La schizofrenia: cosa fare se un amico ne soffre?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close