Dipendenza da ansiolitici negli adolescenti

Sempre più spesso sono presenti gli ansiolitici sui nostri comodini. Per molti sono diventati un rimedio rapido contro gli attacchi di ansia, senza tuttavia che siano noti i rischi di assumeri senza una prescrizione e senza supervisione medica.

L’adolescenza è una fase complessa in cui dobbiamo elaborare un numero infinito di cambiamenti a livello fisico, sociale ed emotivo. I giovani devono affrontare nuove sfide e sfide più impegnative di quelle affrontate durante l’infanzia. A volte ricorrono all’alcol, altre sviluppano una dipendenza da ansiolitici.

Tutto ciò può farli sentire sopraffatti, privi di risorse personali per navigare in questa nuova realtà e ciò può scatenare un disturbo d’ansia. Nonostante esistano risorse psicologiche e farmacologiche per intervenire in tali situazioni, è importante considerare il rischio di dipendenza da ansiolitici negli adolescenti.

Questo perché, nonostante quanto sia normalizzato il consumo di questi farmaci nella nostra società, essi sono tutt’altro che innocui. Se usati per lungo tempo, gli ansiolitici creano dipendenza, ed è allora che è necessario aumentare il dosaggio e per ottenere i loro effetti calmanti. Inoltre, quando vengono interrotti, i sintomi dell’ansia ritornano ed è possibile una sindrome da astinenza.

Nonostante questi rischi, il consumo di ansiolitici tra gli adolescenti è aumentato in modo preoccupante negli ultimi tempi. Pertanto, è conveniente conoscere le cause e sapere come agire al riguardo.

Il 22,5% degli adolescenti dichiara di aver fatto uso di ansiolitici e lo fa in tenera età.

Ansiolitici e loro ruolo

Gli ansiolitici sono così presenti nelle nostre vite che probabilmente conoscete già i nomi di alcuni dei principali marchi commerciali. Orfidal, Trankimazin, Lexatin, Valium… questi farmaci sono presenti negli armadietti dei medicinali di molte famiglie e sono consumati da gran parte della popolazione. Ma cosa sono veramente?

Un ansiolitico (o tranquillante minore) è un farmaco psicotropo che ha un’azione depressiva sul sistema nervoso centrale. Agisce rallentando il ritmo e le funzioni del corpo, producendo effetti di rilassamento e sonnolenza. Per questo motivo viene utilizzato principalmente nel trattamento dell’ansia, dell’insonnia e di altri disturbi psicologici.

La stragrande maggioranza degli ansiolitici da prescrizione appartiene alla famiglia delle benzodiazepine. Questi farmaci agiscono nel cervello sul recettore GABA (acido gamma ammino-butirrico), il principale neurotrasmettitore inibitorio nell’uomo. Pertanto, potenziano l’attività del GABA, riuscendo ad inibire il sistema nervoso centrale e generando le suddette funzioni. Tuttavia, sono veramente sostanze che creano dipendenza.

Dipendenza da ansiolitici e giovani

Gli ansiolitici sono già la terza droga più consumata (solo dietro alcol e tabacco) e sono anche tra le più consumate dagli adolescenti. Il consumo di queste droghe tra i giovani è aumentato negli ultimi tempi, e si stima che il primo contatto inizi già a 14-15 anni.

Un minore su cinque dichiara di aver fatto uso sporadico di ansiolitici; e, nonostante metà di loro avesse una prescrizione medica, l’altra metà no. Accade che vi sia una tendenza tra i giovani a consumare questo tipo di droghe come forma di svago, abbinandole in genere all’alcol e aumentando sensibilmente i rischi a cui sono esposti.

E, come abbiamo detto, gli ansiolitici non sono innocui. I suoi principali effettiavversi includono vertigini, confusione, scarsa coordinazione, problemi di pronuncia e di memoria, giudizio errato e improvvisi cambiamenti di umore. Inoltre, queste conseguenze possono essere prolungate a lungo termine.

Ma ciò che è più pericoloso è il suo alto potenziale di dipendenza. Ed è che, indipendentemente dal fatto che vengano utilizzati su prescrizione medica o meno, gli ansiolitici sono suscettibili di generare dipendenza in brevissimo tempo. Si stima infatti che una persona su tre cominci a sviluppare dipendenza solo quattro settimane dopo l’inizio del trattamento.

E questo, cosa significa? Ebbene, non solo il farmaco perde efficacia nel tempo egenera tolleranza; ma provare a smettere di usarlo può essere davvero difficile per la persona. La sindrome da astinenza (fisica e psicologica) che si innesca comprende ansia e nervosismo, disturbi del sonno, irritabilità, disturbi fisiologici e persino confusione e allucinazioni nei casi più gravi.

Prevenire la dipendenza da ansiolitici negli adolescenti

Per tutto quanto sopra, non dovremmo prendere alla leggera la tendenza al rialzo che è stata osservata ed è fondamentale iniziare a prevenire la dipendenza da ansiolitici negli adolescenti. Ma come riuscirci? La verità è che è un compito che dobbiamo assumerci come società nel suo insieme, compresi i seguenti passaggi:

Evitate l’automedicazione

In molte occasioni, prendiamo da soli la decisione di assumere farmaci che crediamo possano aiutarci, ma che comportano un serio rischio. Sebbene gli ansiolitici richiedano una prescrizione, si possono trovare nell’armadietto dei medicinali di famiglia e i giovani possono decidere di assumerli in un momento di crisi o di ansia. È fondamentale evitare che ciò accada e richiedere sempre una valutazione professionale preventiva.

Limitate l’accesso a questi farmaci per prevenire la dipendenza da ansiolitici

In linea con quanto sopra, è importante che, se ci sono ansiolitici a casa, siano in un posto dove possiamo limitarne l’accesso. Ed è che molti adolescenti iniziano a consumare ansiolitici o il loro consumo diventa ricorrente perché a casa possono accedervi facilmente.

Controllate le ricette

Anche gli operatori sanitari svolgono un ruolo cruciale, poiché devono essere veramente selettivi quando si tratta di prescrivere farmaci. È essenziale che dietro le prescrizioni ci sia una valutazione rigorosa del caso, che ci sia un follow-up e anche un piano, che includa scadenze, per abbandonare quel farmaco.

Ricordiamo che gli ansiolitici possono aiutare a breve termine, ma di per sé non sono una soluzione. Facendo un’analogia, possiamo vederli come stampelle dopo una distorsione.

Il primo contatto con le droghe è solitamente l’alcol, seguito dalla cannabis, che è la porta d’accesso ad altri tipi di sostanze, come le benzodiazepine.

Sensibilizzare i giovani

Infine, è necessario informare gli adolescenti sui rischi connessi al consumodi questi farmaci e quali possono essere i loro effetti e conseguenze; Essendo una droga legale, molte volte non sono consapevoli delle implicazioni del suo consumo.

Insomma, gli adolescenti costituiscono una popolazione vulnerabile in cui il consumo di ansiolitici può causare gravi effetti a breve e lungo termine.

Nel caso in cui ci sia qualche disagio, disturbo del sonno o problema di ansia,l’ideale è rivolgersi a un professionista che possa fare una diagnosi appropriata, prescrivere un trattamento e supervisionarlo adeguatamente.

continua a leggere l’articolo fonte https://lamenteemeravigliosa.it/dipendenza-da-ansiolitici-negli-adolescenti/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close