Per trovare il vero amore chiediti di cosa hai bisogno

Ci sono molti modi per non trovare l’amore (intendo quello vero). Certi amori non arrivano per caso: quelli sbagliati li scoviamo con la stessa accortezza con cui scartiamo quelli che potrebbero renderci felici, ma da cui non si è attratti. Una sorta di coazione a ripetere, un potente meccanismo della psiche che impedisce di imparare dagli sbagli.

E c’è un motivo ben preciso per cui siamo portati a scegliere partner sbagliati, oppure anaffettivi, c’è un motivo ben preciso se continuiamo a reiterare nelle scelte malsane, se ci piace essere legati ad amori estinti, ad amori a senso unico, ad amori tossici. E questo succede perché abbiamo ereditato una credenza che ci ha inculcato l’idea, del tutto fuorviante, che l’amore vada guadagnato, conquistato.

Si tratta di un impulso inconscio che affonda le radici nell’infanzia, periodo in cui si strutturano le modalità relazionali con i genitori. Quando nasciamo siamo delle lavagne bianche pronte a vivere la vita che meritiamo. Quando si cresce, chi che sia si sente autorizzato a scrivere su questa lavagna ed imbrattandola determina come affrontiamo il nostro presente.

La nostra realtà è specchio di ciò che siamo

Ci sono storie che durano più del dovuto semplicemente perché si ha paura di ricominciare con un nuovo amore, perché probabilmente ci siamo convinti che la persona giusta per noi non esiste e che ogni relazione è frutto di compromessi.  Poi ci sono le storie che iniziano per paura della solitudine. Ognuno di noi, avrà conosciuto delle persone “fidanzate seriali”, ovvero, in grado di passare da un partner all’altro, senza far passare troppe settimane, sbrigandosi, una volta rotta una relazione, a individuare un nuovo partner con cui riempire il vuoto umano lasciato dal partner precedente.

In poche parole, è come scegliere di essere in una coppia, come voler impostare persino l’impegno che questo significa, ma non avendo scelto la persona con cui realizzare il proprio progetto di vita. A volte, questo scatta per dei bisogni personali o per delle storie familiari alle spalle che spingono in questa direzione e non perchè ci si innamora davvero. In questo caso, il partner viene scelto solo perché in quel momento è la persona che ci sembra più adatta.

Come siamo complicati noi esseri umani!

La verità è che l’amore dovrebbe essere un sentimento reciproco, da costruire insieme, non certo un trofeo da vincere dopo aver superato una serie di prove. Non ha senso rimanere ciechi di fronte allo scontento o alla sofferenza con l’alibi di un innamoramento che spesso nasconde l’idea illusoria che tutto cambierà. Se una relazione ci fa sentire trascurati o infelici, se compaiono e persistono indizi di “tossicità” reciproca, allora è il momento di allontanarsi, prima che la realtà che fino a quel momento ci si rifiuta di accettare, si riveli in modo negativo o, spesso,  addirittura drammatico.

Allo stesso modo, non ha senso sentirsi inferiori perché qualcuno ci ha rifiutato, non ha senso nutrire la convinzione di non essere abbastanza per chi ci respinge. Chiediamoci piuttosto se questa persona era abbastanza per noi. L’amore deve farci sognare, non soffrire. Sembrerà banale ma la verità è questa: troveremo l’amore nella misura in cui noi stessi ci sentiremo degni di amore.

Non si può negare che può essere doloroso amare qualcuno quando questo non ricambia l’affetto. Non è la cosa peggiore che può succedere, però. Se c’è un aspetto positivo da trarne, è la comprensione che siamo capaci di amare. Alcune persone non hanno nemmeno questa capacità!

Per trovare l’amore chiediti tu cosa vuoi

Sto per dirvi qualcosa che vi sembrerà banale: siamo noi a decidere se meritiamo amore, noi a decidere se possiamo accettarlo, e siamo noi che ogni giorno possiamo decidere di amarci! Detto ancora più chiaramente: se non crediamo di essere desiderabili, se non crediamo di meritare di essere amati, se non crediamo di avere tanto da offrire, difficilmente troveremo la persona “giusta”.

Forse pensiamo di aver già superato questo step, di essere già oltre e ci domandiamo come mai non riusciamo a incontrare un partner. Magari è il caso che facciamo un passo indietro. E ricominciare dalle basi. Facciamo due liste molto semplici.

Nella prima lista scriviamo le caratteristiche che la persona ideale dovrebbe avere. Non limitiamoci solo a una descrizione fisica o caratteriale. Chiediamoci quali valori deve avere, quali caratteristiche sono importanti per noi, su quali aspetti saremmo disposti a chiudere un occhio e su quali non possiamo proprio transigere. Insomma, mettiamoci nell’ottica di essere noi la persona che sceglie, per una volta.

Nella seconda lista elenchiamo tutto ciò che siamo in grado di dare come persona. Questa lista è sempre la più difficile perché dopo la terza voce cominceremo ad esitare, a fare fatica, non riconosceremo in noi alcun aspetto per cui una persona dovrebbe sentirsi fortunata a essere al nostro fianco. Ma non fermarci, cerchiamo di andare più a fondo. Anche qui, chiediamoci quali sono i nostri valori, le caratteristiche personali che ci rendono una persona unica.  Almeno 10 punti, non di meno.

continua a leggere l’articolo fonte https://psicoadvisor.com/per-trovare-il-vero-amore-chiediti-di-cosa-hai-bisogno-27924.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close