Ti prendi tutto a cuore? Gli aspetti problematici di un’elevata sensibilità emotiva

Vi danno fastidio spesso i rumori, gli odori e le luci intense? Preferite le attività solitarie come la lettura o fare jogging? A volte vi sentite incompresi e osservate dei dettagli che passano inosservati agli occhi degli altri? Se è così, è probabile che siate tra le persone altamente sensibili (PAS), un gruppo composto dal 20% della popolazione.

Vale la pena ricordare che non si tratta di una patologia, queste persone sono semplicemente caratterizzate dalla reazione intensa agli stimoli ambientali, dato che sono ipersensibili. Le persone altamente sensibili non sono persone strane o diverse, semplicemente si tratta di soggetti che sono in grado di processare più profondamente le informazioni che ricevono.

Il nostro cervello ha due parti: il cervello emotivo e il cervello cognitivo

Le Persone Altamente Sensibili hanno costantemente attivata la parte emozionale del cervello trovandosi in uno stato emotivo di allarme e pericolo costante. Questa condizione mette a riposo la parte razionale del cervello rendendo maggiormente difficile difficile l’elaborazione “razionale” delle informazioni l’accesso alla memoria e il controllo delle emozioni emotiva producendo una sensazione frequente di sopraffazione.

Come accennavo esiste un termine tecnico coniato appunto per definire queste persone, ovvero “Highly Sensitive Person” (HSP), tradotto in italiano “Persone Altamente Sensibili” (PAS). Questo termine fu coniato nel 1986 dalla psicologa americana Elaine Aron allorché ella decise di affrontare ed approfondire scientificamente la realtà di quelle persone più sensibili di altre agli stimoli sia esterni che interni.

La Aron rilevò che le persone ipersensibili con una infanzia problematica rischiavano di più di diventare depresse o ansiose rispetto alle persone con una infanzia similare ma meno sensibili (non PAS). Gli studi compiuti rilevarono che anche le condizioni stressanti di vita potevano, nella persona PAS più che nelle non PAS, catalizzare lo sviluppo di sintomatologia ansioso depressiva. Non è raro che le persone PAS abbiano avuto una infanzia difficile, in quanto spesso il loro temperamento non viene compreso o viene invalidato (“sei esagerato”; “quel che senti è sbagliato”; “non dovresti sentirti così”…).

Ecco che i sentimenti negativi dovuti al tratto PAS possono portare la persona a sentirsi ancor più a disagio, in crisi o infastidita. Non solo per l’elevata sensibilità, ma anche per l’etichetta di inadeguatezza o inappropriatezza che si impara (o ci si rassegna) ad abbinarci.

0

Gli aspetti problematici di un’elevata sensibilità emotiva

Sebbene ci siano molti aspetti positivi nell’essere una persona sensibile (come una maggiore capacità di ascoltare e comprendere, una maggiore empatia e intuitività, una migliore intuizione dei desideri e dei bisogni degli altri, ecc.), vorrei soffermarmi su quegli aspetti dell’ipersensibilità che influenzano negativamente la salute, la felicità, il successo, e che spesso complicano le relazioni interpersonali.

Di seguito vengono riportati 24 tratti di una persona altamente sensibile, estratti dal libro ”Are You Highly Sensitive? How to Gain Immunity, Peace, and Self-Mastery” di Ni Preston. Questi tratti sono organizzati in tre macro-categorie: Sensibilità verso se stessi, Sensibilità nei confronti degli altri e Sensibilità nei confronti dell’ambiente.

Mentre la maggior parte delle persone possono di tanto in tanto sperimentare alcuni di questi tratti, una persona ipersensibile probabilmente “sentirà troppo” e “troppo in profondità” per la maggior parte del tempo. Alcuni individui potrebbero essere molto sensibili solo verso uno o due stimoli, mentre altre persone potrebbero sentirsi fortemente influenzato da più elementi presenti nella lista.

Categoria uno: Sensibilità verso se stessi

1.    Spesso hai difficoltà a lasciare scorrere via i pensieri e le emozioni negative?
2.    Frequentemente, quando accade qualcosa di spiacevole, avverti sintomi fisici?
3.    Spesso le “giornate no” influenzano negativamente le abitudini alimentari e/o il sonno (come mangiare o dormire troppo o troppo poco)?
4.    Frequentemente sperimenti stati di tensione o ansia?

pubblicità

5.    Tendi a essere eccessivamente critico con te stesso quando non ti senti all’altezza delle tue aspettative?
6.    Hai paura del rifiuto, anche in situazioni relativamente poco importanti?
7.    Tendi continuamente a confrontarti con gli altri (in situazioni fisiche, relazionali, sociali, lavorative, finanziarie o di altro tipo) e ti ritrovi spesso a provare sentimenti spiacevoli in seguito a tale confronto?
8.    Spesso provi rabbia o risentimento per situazioni nella vita o nella società che sembrano ingiuste, irritanti o fastidiose?

Categoria due: Sensibilità nei confronti degli altri

9.    Ti preoccupi continuamente di ciò che gli altri stanno pensando?
10.   Tendi a sentire le cose troppo “sul personale”?
11.   Trovi difficile, quando provocato da una situazione interpersonale spiacevole ma comunque di poco conto, semplicemente “lasciar perdere”?
12.   Ti senti ferito facilmente?

pubblicità

13.   Nascondi spesso i tuoi sentimenti negativi, ritenendoli troppo forti, troppo aggressivi, imbarazzanti o vulnerabili se condivisi?
14.   In alternativa, spesso parli delle emozioni negative con gli altri perché ritieni vi sia un sacco di “drammaticità” nella vita di una persona?
15.   Hai difficoltà ad accettare feedback critici, anche quando il feedback ti viene restituito in modo ragionevole e costruttivo?
16.   Spesso ti senti come se le persone ti giudicassero, anche quando non ci sono prove concrete che questo effettivamente avvenga?

17.   Spesso reagisci in modo eccessivo a offese o provocazioni, reali o percepite?
18.   Spesso ti senti a disagio in situazioni di gruppo e ti senti incapace di essere te stesso?
19.   Ti senti impacciato nelle relazioni intime, eccessivamente preoccupato per l’approvazione del partner: temi di essere giudicato o respinto dal partner?

pubblicità

Categoria tre: sensibilità per il proprio ambiente

20.   Ti senti a disagio quando vi è un assembramento di persone, in una stanza piena di gente che parla o quando accadono troppe cose contemporaneamente?
21.   Ti sente a disagio quando sei esposto a luci o suoni troppo forti o a certi odori particolarmente intensi?
22.   Ti spaventano facilmente rumori improvvisi, stare nel traffico intenso?
23.   Spesso ti senti arrabbiato quando guardi o leggi brutte notizie sui media; non ami spettacoli intensamente spaventosi o violenti?
24.   Spesso ti senti infelice quando segui i post delle persone sui social?

Relazionarsi con le persone altamente sensibili

Se dovesse capitarti di imbatterti in una persona altamente sensibile sarà questa certamente un’occasione importante e auspicabile per vivere un’esperienza profonda, dalla quale trarre energia. Ricorda però di fare anche attenzione perché si tratta di persone in grado di cogliere ogni caratteristica, soprattutto le più nascoste, dell’interlocutore e possono dimostrarsi assai esigenti perché bisognosi di confrontarsi con una sensibilità simile alla propria, sicché anche piccole incomprensioni possono portare a frustrazione e forti delusioni.  Cerca di metterti nei loro panni e rispetta il loro modo di vedere e affrontare la vita. Il fatto che a te non diano fastidio determinati stimoli o comportamenti non significa che gli altri li possano accettare o gestire con facilità.

pubblicità

E’ possibile essere ipersensibili, ma non sapere di esserlo: si finisce per ricadere in comportamenti agli antipodi, che possono anche alternarsi nel tempo. Possono in tal senso esserci periodi nei quali si agisce meno, con ricadute sull’umore e l’autostima: con questo stato d’animo, è possibile cadere in depressione. In altri momenti, con diversa disposizione d’animo, ci si confronta invece con gli altri, forzandosi a fare più di quanto si riesce a sopportare: si incorre così nell’esaurimento.

Continua a leggere l’articolo fonte https://psicoadvisor.com/chi-sono-le-persone-altamente-sensibili-746.html

2 pensieri riguardo “Ti prendi tutto a cuore? Gli aspetti problematici di un’elevata sensibilità emotiva

  1. Assolutamente io, ho risposto sì a praticamente tutte le domande. È stancante esserlo, molto, ma la contropartita è una vita ricchissima, piena di sfumature, intensa.

    Piace a 1 persona

  2. Salve, anche se non ho risposto di sì a tutte le domande, sono consapevole di essere una persona altamente sensibile praticamente da sempre, infatti a volte mi sento molto stanca e spesso mi sono sentita e continuo a sentirmi inadeguata, ma ho imparato se non altro a non essere sempre troppo severa con me stessa. Sono anche consapevole di essere una persona complicata, cerco di lavorare su me stessa, per lo più da sola, ma in fondo ritengo che la sensibilità sia un dono.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close