Fede e resilienza: quale relazione?


Resilienza e fede: come la religiosità può aiutare ad affrontare le avversità

Il concetto di resilienza, in riferimento all’individuo, indica la capacità di mantenere una buona integrità psico-fisica nonostante l’esposizione ad eventi particolarmente avversi e di raggiungere un adattamento positivo. 

Resilienza, dunque, come capacità di nuotare nel mare in tempesta per arrivare alla riva, evitando di annegare, di farsi schiacciare dalle onde.

Una delle principali critiche alla concettualizzazione del termine resilienza, è quella di non riconoscere la stessa come parte integrante della vita quotidiana; essa, infatti, non è limitata al solo adattamento positivo a seguito di avvenimenti estremi, ma entra in gioco anche nelle sfide che si incontrano ordinariamente (Ögtem-Young; 2017).

Negli ultimi anni, in campo psicologico si è assistito ad un incremento degli studi sul rapporto fede-resilienza, rapporto ampiamente trascurato per buona parte del XX secolo (Pargament, Cummings; 2010).

Per prima cosa, è necessario fare una distinzione tra fede e religione, nonostante i due termini vengano spesso utilizzati in maniera interscambiabile. In generale, la fede è più individuale, è una scelta personale di relazionarsi al Sacro, ad un Potere Superiore che può incarnarsi in un Dio, nella Natura, nell’Universo; la religione, invece, è largamente intesa come collettiva, essendo un sistema di credenze, valori, rituali e pratiche condivise da una comunità per connettersi con la Divinità (Foy, Drescher, Watson; 2018).

Il comportamento umano è spesso influenzato dalla religiosità (Georgiades; 2016), per cui, quest’ultima può diventare un vero e proprio strumento di resilienza.

La fede permette di dare un senso e un significato specifico alle cose, perfino alla sofferenza; dunque, curare la propria relazione con il Divino, aiuta a tamponare le conseguenze velenose che fanno seguito ad una circostanza spiacevole (Georgiades; 2016). È il pensiero di poter essere risollevati e assistiti da un Dio durante le difficoltà, ad essere confortevole.

Tra i fattori legati alla religiosità che contribuiscono alla resilienza, vi sono: la richiesta di supporto nei membri della propria comunità religiosa, che a sua volta facilita la coesione e la solidarietà sociale; la ricerca di sostegno spirituale e di conforto nella cura di Dio; la speranza; la fiducia in una Forza Superiore, che non abbandona; l’interpretazione delle difficoltà come prove, sfide o anche doni di Dio (Mhaka-Mutepfa, Maundeni; 2019), grazie ai quali ci si fortifica; il non sentirsi soli durante le avversità. La preghiera, nello specifico, è un importante fattore di protezione soprattutto nei casi di malattia.

Tuttavia, è anche vero che alcune forme di religiosità possono esacerbare, piuttosto che mitigare, gli effetti dei fattori stressanti della vita, per cui, accanto a questo aspetto positivo della fede nel processo di resilienza, è necessario riconoscerne quello negativo.

Si pensi all’incremento dei livelli di paura a causa di convinzioni religiose erronee, alle valutazioni punitive di esperienze negative (Ho peccato, dunque Dio mi punirà), all’ansia legata a questioni sulla presenza e il potere di Dio

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO FONTE: https://www.stateofmind.it/2021/06/resilienza-fede/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close