IDAHOBIT: perché è importante parlare di omo-lesbo-bi-transfobia?

Il 17 Maggio si celebra l’International Day Against Homophobia, Lesbophobia, Biphobia and Transphobia (IDAHOBIT), ossia la Giornata Internazionale contro l’omo-lesbo-bi-trans-fobia. In tale giorno del 1990, infatti, l’omosessualità è stata derubricata dal Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) (Drescher, 2015).

Cos’è l’omofobia?

Il termine omofobia nella sua definizione originale si riferiva al «terrore di trovarsi in spazi chiusi con persone omosessuali» [Weinberg, 1972:4]. Weinberg coniò il termine come risultato dell’acceso dibattito dell’epoca, precedette di un anno la derubricazione dell’omosessualità dal DSM. Introdusse il concetto in modo provocatorio: così come era stata patologizzata l’omosessualità, allo stesso modo era possibile categorizzare l’avversione verso le persone omosessuali. 

L’accento fu posto sulla componente fobica, anche se lavori successivi hanno dimostrato come i meccanismi psicologici coinvolti si distinguano da quelli fobici (Herek, 2004): nell’omofobia non c’è consapevolezza che l’avversione sia irrazionale ed eccessiva, e non è attuato l’evitamento delle persone omosessuali, tipico delle fobie (Amodeo et al., 2015). L’omofobia si caratterizza, invece per la presenza di «disagio, svalutazione e avversione, su base psicologico-individuale e/o ideologico-collettiva, nei confronti delle persone omosessuali e dell’omosessualità stessa» [Lingiardi & Nardelli, 2014:109]. Considerarla solo una fobia porta a trascurare sia la dimensione socio-culturale all’origine delle condotte omofobiche, che l’intenzionalità che può sottostarvi (Amodeo et al., 2015).

Nel 1980 Hudson e Rickett proposero un’alternativa parlando di omonegatività

un concetto multidimensionale di più ampio respiro per sottolineare come la paura o l’imbarazzo possono essere solo alcune tra le componenti dell’omofobia, aprendo a riflessioni sul ruolo del pregiudizio (Hudson & Rickett, 1980). Il termine omonegatività va oltre la sfera emotiva, riconducibile alla fobia, dando spazio a quella cognitiva, che caratterizza gli atteggiamenti negativi attuati contro gli individui omosessuali (Herek, 2004).

L’omofobia/omonegatività è servita da modello per concettualizzare le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere. Da essa sono derivati termini come bifobia, lesbofobia e transfobia, per indicare disagio, svalutazione e avversione verso, rispettivamente, persone bisessuali, lesbiche e trans* (Herek, 2004). Ogni gruppo sociale subisce dinamiche discriminatorie comuni, ma anche uniche nella loro specificità, per questo parlare solo di omofobia non è esaustivo.  

Perché è importante parlare anche di lesbofobia e bifobia?

Il termine lesbofobia permette di riconoscere la complessità della discriminazione subita delle donne lesbiche, vittime non solo perché lesbiche, ma anche in quanto donne. Ciò porta al tema dell’intersezionalità, ovvero l’intersezione di più identità sociali, e del relativo sistema di oppressione (Crenshaw, 1993). Pertanto parlare di lesbofobia significa parlare di sessismo, oltre che di omofobia. Le due forme di discriminazione, però, non agiscono in modo indipendente, ma sono interconnesse, attraverso un sistema di oppressione in cui ogni identità sociale minoritaria alimenta le possibili discriminazioni (Meyer, 2012). Per questo è importante riconoscerle, attraverso l’uso di un termine ad hoc come lesbofobia, marcando come non solo le loro conseguenze si sommino, ma anche come le discriminazioni si concausino e aggravino a vicenda.

Parallelamente è importante dare luce alla bifobia, spesso dimenticata perché come nel caso delle donne lesbiche le soggettività bisessuali subiscono una specifica forma di discriminazione che può prevedere la cancellazione della categoria, negandone l’esistenza (bifobia bicancellazione) (Pennasilico &  Amodeo, 2019).

A quanti e quali livelli viene attuata la discriminazione contro le persone LGBT+?

Tre sono le dimensioni principali attraverso cui è attuata la discriminazione contro le persone LGBT+ [Graglia, 2012; Amodeo et al., 2015]:

  • Dimensione personale e intra-individuale: si riferisce alle credenze e alle rappresentazioni soggettive su orientamenti sessuali diversi da quello eterosessuale e sulla varianza di genere, in termini di pregiudizi e stereotipi.
  • Dimensione culturale, sociale ed interpersonale: include pregiudizi, stereotipi e credenze presenti a livello socio-culturale. L’etero-cis-normatività promuove e riconosce alcuni tipi di desideri sessuali, pratiche e identità, in accordo ad alcuni valori sociali egemonici, escludendo tutto ciò che non rientra in tali modelli e/o condannandolo esplicitamente come sbagliato. 
  • Dimensione istituzionale: riguarda, ad esempio, l’assenza di leggi specifiche che tutelino le persone LGBT+ che subiscono atti omo-lesbo-bi-trans-fobici, o che permettano il matrimonio egualitario e l’adozione.

Quali le possibili conseguenze?

Le persone LGBT+ possono avere maggiori probabilità di sviluppare disagio psicologico e dipendenze (Lingiardi & Nardelli, 2014). Tali esperienze e vissuti negativi non derivano dall’orientamento sessuale e/o identità di genere in sé, ma come «(…) conseguenza di ambienti ostili o indifferenti, episodi di stigmatizzazione, casi di violenza» [Lingiardi & Nardelli, 2014: 35]. Il modello del Minority Stress (Meyer, 2003) riassume ed evidenzia i vissuti di stress che le persone appartenenti alle minoranze, come la comunità LGBT+, possono vivere nei vari contesti della vita quotidiana. 

Il modello si compone di tre principali dimensioni: 

  1. l’omo-lesbo-bi-trans-fobia interiorizzata: comprende atteggiamenti e vissuti emotivi negativi che le persone possono provare per il proprio orientamento sessuale e/o identità di genere.
  2. lo stigma percepito: si riferisce alle aspettative che le persone hanno di essere discriminate e ostracizzate per la loro appartenenza alla comunità LGBT+.
  3. le esperienze vissute di discriminazione e/o violenza: che possono essere verbali, fisiche, sessuali o psicologiche. La violenza verso le persone LGBT+ può sfociare in hate crime (crimine d’odio), le cui vittime sono spesso persone trans*

In Italia l’atteggiamento discriminatorio nei confronti della popolazione LGBT+ è maggiormente diffuso rispetto alla media europea (Commissione Europea, 2019), da qui l’urgenza di accrescere la consapevolezza sulla tematica attraverso occasioni come l’IDAHOBIT che contribuiscono a depotenziare atteggiamenti, pregiudizi e stereotipi.

Fonte: https://www.antrodichirone.com/index.php/it/2020/05/16/idahobit-perche-e-importante-parlare-di-omo-lesbo-bi-transfobia/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close