Paura nel cervello: come si produce?

Quando proviamo paura, i battiti cardiaci accelerano, apriamo gli occhi, aumentano i livelli di attenzione

Chiamiamo paura la sensazione di angoscia che proviamo di fronte a una situazione di pericolo o minaccia, reale o immaginaria. La paura nel cervello è il risultato dell’attivazione di un sistema di allarme adattativo di fronte a un pericolo, che innesca cambiamenti fisiologici, comportamentali e cognitivi volti alla sopravvivenza.

La ricerca neuroscientifica ha da sempre relazionato la paura a una struttura cerebrale chiamata amigdala. Questa è situata nel sistema limbico e gioca un ruolo determinante nella ricerca e il riconoscimento dei segnali di pericolo, oltre a essere legata ad altre emozioni. Di solito l’amigdala è inattiva, ma si attiva in caso di minaccia.

Più di recente, è stato riscontrato che la paura attiva altre strutture e reti all’interno del nostro cervello che, insieme, preparano il nostro organismo ad affrontare la minaccia. Una recente meta-analisi ha rilevato che l’amigdala non è la principale area legata alla paura nel cervello. Scopriamone di più!

Amigdala nel cervello
Amigdala

Apprendimento della paura

Anche se la paura nasce in modo naturale, l’essere umano impara gran parte delle proprie paure. Questo fenomeno si chiama condizionamento della paura e può avvenire in maniera intenzionale.

Tale apprendimento di tipo pavloviano è generato dall’accoppiamento di uno stimolo neutro (per esempio quadrato) e uno stimolo ostile (ad esempio un forte rumore).

Lo stimolo neutro, che inizialmente non provocava nessuna reazione, finisce per causare una risposta condizionata, in questo caso quella di coprirsi le orecchie.

L’apprendimento della paura appare nei disturbi in cui la persona non provava, inizialmente, alcuna sensazione negativa in risposta a un evento. Per esempio, una persona che prendeva tranquillamente i trasporti pubblici, ma che dopo alcuni attacchi di panico e la conseguente sensazione di morire, è terrorizzata all’idea di prendere nuovamente un autobus.

Paura nel cervello e aree coinvolte

La paura nel cervello attiva le aree cerebrali qui di seguito riassunte: corteccia insulare, corteccia cingolata anteriore dorsale e la corteccia prefrontale dorsolaterale.

  • Corteccia insulare: si trova in entrambi i lati del cervello. È una regione che integra informazioni di tipo cognitivo e fisiologico ed è legata alla formulazione di predizioni su quello che potrà accadere. È anche incaricata di integrare emozioni provenienti dall’amigdala e dai sensi, dando luogo a interpretazioni di minaccia. Infine, è legata al condizionamento aversivo, ossia all’anticipazione delle conseguenze.
  • Corteccia cingolata anteriore dorsale: svolge un ruolo fondamentale nell’apprendimento della paura e nella condotta di evitamento, così come nell’esperienza soggettiva dell’ansia. Agisce da mediatore nelle situazioni conflittuali, determinando l’importanza degli stimoli, dirigendo la nostra attenzione e apportando razionalità. Quanto più è attiva, più siamo in grado di prestare attenzione. e quindi maggiore è la paura.
  • Corteccia prefrontale: alla regione dorsolaterale spetta la regolazione emotiva della paura e l’espressione di risposte fisiologiche relative.D’altro canto, la regione ventromediale consente di distinguere gli stimoli minacciosi da quelli sicuri.
Cervello di colore blu

L’espressione della paura nel comportamento

Quando proviamo paura, il nostro cervello risponde in maniera rapida e involontaria. Mette in moto una complessa rete che aziona il nostro corpo per scappare da questa situazione.

In seguito all’attività dell’insulina, iniziamo a sudare, i battiti cardiaci accelerano preparandoci a fuggire, e le gambe si attivino. Innesca dunque le risposte fisiologiche per preparare il nostro corpo a correre. La corteccia cingolata anteriore focalizza la nostra attenzione sul pericolo, attivando i meccanismi cognitivi necessari per affrontare la situazione (per esempio scegliendo se chiedere aiuto o correre). In poche parole, il cervello ci permette di sopravvivere.

Tuttavia, se la reazione alla fuga o i pensieri sono eccessivi, si può produrre un modello di comportamento disadattivo come precedentemente accennato. Per esempio, quando non riusciamo più a uscire da casa.

In questi casi, è l’insula a interpretare come minaccioso uno stimolo che in realtà non lo è, oppure la corteccia cingolata che ci fa concentrare su stimoli neutri; così come tendiamo a fuggire o evitare uno stimolo non minaccioso sotto l’influenza della corteccia prefrontale. In altre parole, si visualizza anticipatamente il danno in una situazione innocua, trasformando la paura in patologia.

Fonte: https://lamenteemeravigliosa.it/paura-nel-cervello-come-si-produce/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close