Il Deja Vu è un mistero con la sua spiegazione

Il déjà vu è un fenomeno che colpisce la stragrande maggioranza delle persone.

Dejavu o deja vu cos'èUno studio dell’Università di St. Andrews, in Scozia, ha rivelato perché si verifica il fenomeno del dejavu o déjà vu.  Sembra che colpisca maggiormente i giovani.

Che cos’è il deja vu

Il déjà vu è un fenomeno che colpisce la stragrande maggioranza delle persone. Tutti o quasi tutti, hanno avuto la sensazione di vivere una determinata situazione una seconda volta, sebbene non fosse mai realmente successo. Si stima che la fetta della popolazione colpita vari tra il 30 e il 96 percento.

Il termine déjà vu è francese e significa, letteralmente, “già visto”. Coloro che hanno provato questo sentimento lo descrivono come un travolgente senso di familiarità con qualcosa che non dovrebbe assolutamente essere familiare. Ad esempio, supponi di recarti in Inghilterra per la prima volta. Stai visitando un museo e all’improvviso sembra che tu sia già stato in quel posto prima. O forse stai cenando con i tuoi amici, discutendo di un argomento politico attuale e hai la sensazione di aver già sperimentato questa cosa: gli stessi amici, la stessa cena, lo stesso argomento.

Ricerca scientifica sul déjà vu

Uno studio dell’Università di St. Andrews , in Scozia, ha utilizzato la risonanza magnetica per cercare di trovare le origini di questo, fino ad ora, evento inspiegabile del dejavu o deja vecu. Per questo, i ricercatori hanno usato un metodo classico per generare “falsi ricordi”.

L’esperimento consiste nel far leggere ad una persona un elenco di parole correlate – come acqua, sete, calore – ma senza indicare la parola “bere”. Questo esercizio scatena un bias. Infatti, quando la persona deve elencare le parole da ricordare, è sicura che “bere” faccia parte di quelle ricordate.

Ma dal momento che la creazione di un falso ricordo non è la stessa cosa di un déjà vu, i ricercatori hanno aggiunto un nuovo elemento. Innanzitutto, hanno letto ai partecipanti tutte le parole senza nominare “bere” e poi hanno chiesto se ne avessero ascoltate alcune che iniziavano con “B”. La risposta è stata unanime: No. Tuttavia, quando fu chiesto loro se avessero sentito “bere”, non poterono negarlo e la maggior parte di essi mostrava segni di confusione.

Data questa contraddizione, i partecipanti hanno commentato di aver avuto questa strana esperienza di déjà vu

ha dichiarato Akira O’Connor , a capo della ricerca.

O’Connor ha spiegato che

il fenomeno che si verifica nel cervello durante il déjà vu è in realtà un processo decisionale o di risoluzione dei conflitti.

Il cervello, eseguirebbe un’operazione di verifica dei fatti ; controlla la sua “base di memoria” e invia un segnale quando si verifica un qualche tipo di errore, come per questa contraddizione.

In questo modo, si è determinato che il dejavu sarebbe un’indicazione che il sistema di controllo del cervello funziona correttamente. E ciò, inoltre, spiegherebbe perché molto di più si verifica nei giovani e molto poco negli adulti più anziani; poiché in età avanzata la memoria inizia a subire un deterioramento. Infine, i ricercatori hanno spiegato che ci sono ancora altri studi per determinare tutte le funzioni e le altre possibili cause della generazione istantanea di una “memoria rianimata”.

Fonte: https://www.psicosocial.it/dejavu-o-deja-vu/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close