Accettare un difetto fisico: come fare?

Un difetto fisico provoca una sensazione di inferiorità che deve essere affrontata. L’origine del complesso è reale, è lì, ma non si deve permettere che diventi un complesso.

Accettare un difetto fisico può rappresentare una grande sfida. I difetti fisici che non accettiamo in noi stessi possono causare timidezza, vergogna, ansia, senso di inferiorità, ecc.

Tuttavia, sebbene in molti possano provare una sensazione di inferiorità in una determinata fase della loro vita, ciò non significa che soffrano di un complesso di inferiorità. Perché si configuri tale complesso, non è necessario che la persona abbia un reale difetto; basta solo che pensi di averlo, e ciò include anche i difetti fisici.

Spesso la causa risiede nell’essersi sentiti rifiutati dagli altri. E forse, all’origine del rifiuto vi era proprio un difetto fisico. La conseguenza è che tale esperienza può segnare in modo decisivo la personalità.

Ma superare e accettare un difetto fisico non è impossibile; è un percorso delicato che affronteremo nelle prossime righe.

Tutti abbiamo dei difetti

Proprio così. Tutti abbiamo dei difetti, che ne siamo consapevoli o meno. Può anche succedere che alcuni vedano dei difetti dove non ce ne sono affatto. In ogni caso, la percezione soggettiva è determinante.

La percezione soggettiva di un difetto fa riferimento alla convinzione di avere una qualche imperfezione, che sia reale o meno. E tutto ciò è estremamente importante, perché può segnarci a vita. Ecco perché superare e accettare un difetto fisico, psicologico o di altro tipo è fondamentale. Tali difetti in genere si ascrivono a uno di questi tre ambiti di base:

  • Fisico (difetti del corpo, bruttezza, obesità, bassa o alta statura, impotenza sessuale, caratteristiche del sesso opposto, ecc.).
  • Intellettuale (intelligenza mediocre, poca cultura, ecc.).
  • Sociale (mancanza di simpatia, scarsa facilità di parola, ecc.).
Doctor House

I difetti fisici possono generare sentimenti di inferiorità

Non accettare un difetto fisico può portare a provare sentimenti di inferiorità. A loro volta, i sentimenti di inferiorità possono causare inibizione e isolamento. E ciò può determinare una personalità timida e insicura, all’interno di un contesto di scarsa attività sociale.

Il noto medico e psicoterapeuta austriaco Alfred Adler ha studiato a fondo questo problema, proponendo un approccio basato sul sistema della compensazione psicologica: quando qualcuno si sente inferiore, può cedere alla rassegnazione.

Tale rassegnazione darà luogo a un atteggiamento di modestia esagerata e timidezza, insicurezza e inibizione. Ma se non si rassegna, proverà a compensare il suo difetto in tre modi che non sono totalmente esclusi l’uno dall’altro e che porterebbero a delle “compensazioni psicologiche”.

Linee guida per accettare un difetto fisico

Il difetto fisico provoca una sensazione di inferiorità che deve essere affrontata. L’origine del complesso è reale, è lì, ma non si deve permettere che si manifesti. Vediamo, quindi, alcune soluzioni pratiche per iniziare ad accettarlo.

  • È importante circoscrivere il difetto con precisione. Avere un naso orribile non rende per forza il resto del viso poco attraente.
  • Nel momento stesso in cui viene identificato il difetto, è necessario anche apprezzare le qualità fisiche positive. Si può essere bassi, ma avere un bel fisico; Si possono avere delle brutte mani, ma una bocca bellissima.
  • È necessario porre l’accento sui propri aspetti positivi e attenuare il difetto. Così darà meno nell’occhio. Non si tratta di negare la sua esistenza, ma di renderla meno evidente.
  • Indubbiamente, si dovranno sfruttare tutti i trucchi estetici per attenuare il difetto fisico. È bene sapere quale tipo di indumenti, scarpe, ornamenti e trucco sono i più adatti a mitigare il difetto.
  • Le compensazioni sia fisiche che psicologiche possono risultare molto soddisfacenti. Il difetto può essere compensato da qualcosa di totalmente diverso. Ad esempio, l’incapacità nel praticare uno sport può essere compensata dall’amore per la musica o per la lettura.
  • Bisogna tenere presente che non esiste solo il fisico. L’essere umano è sia corpo che spirito.
  • Mai insistere sulla perfezione irraggiungibile. Bisogna accettare il difetto e imparare a conviverci.
  • Alcuni difetti che possono essere corretti. L’obesità ne è un esempio. Con un po’ di sforzo e un aiuto medico, potete farcela.
  • Non si deve negare l’evidenza di un difetto. Bisogna affrontarlo, trovare delle soluzioni e metterle in atto. È positivo positivo persino parlarne. L’atteggiamento dello struzzo non porta a nulla.
  • Se però il peso del difetto diventa insostenibile e rischia di diventare un complesso, è meglio rivolgersi a uno specialista che possa farci da guida nel trovare delle soluzioni e aiutarci ad affrontarlo.
Cuore di carta

Come vedete, accettare e superare un difetto fisico è possibile. Bisogna solo imparare ad apprezzare altre virtù e cercare i giusti modi per correggerlo, se possibile. Se però diventa un complesso, è meglio ricorrere all’aiuto di uno psicologo in modo che possa fornirci tutte le risorse utili a superarlo.

FONTE: https://lamenteemeravigliosa.it/accettare-un-difetto-fisico-come-fare/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close