Aiutare un figlio che si sente un fallito

Aiutare un figlio che si sente un fallito provoca diverse reazioni nei genitori. In quasi tutti i casi si manifestano sentimenti di angoscia e senso di colpa.

Un figlio che si sente un fallito rinuncia a lottare per ciò che desidera. Sente di aver perso prima ancora di averci provato. Dipende dai suoi genitori per reindirizzare il suo atteggiamento verso se stesso e verso la vita.

La maggior parte dei genitori vorrebbe vedere felici i propri figli, vorrebbe che trovassero la loro strada e che riuscissero a realizzarsi. Ma questo non sempre succede. Delle volte il padre, la madre o entrambi si ritrovano a dover aiutare un figlio che si sente un fallito per non avere soddisfatto le attese, quelle proprie o altrui. In generale, questa sensazione di fallimento inizia da bambini e dinnanzi a essa i genitori possono sentirsi confusi.

Aiutare un figlio che si sente un fallito provoca diverse reazioni nei genitori. In quasi tutti i casi si manifestano sentimenti di angoscia e senso di colpa. Questi si traducono in atteggiamenti che variano dalla negazione del problema a cambiamenti importanti nella famiglia. Quando la situazione viene affrontata con criterio e viene presa in tempo, di solito è una grande opportunità per rimediare a ciò che non va. In caso contrario, tutto questo potrebbe  far germogliare problemi più gravi.

A quanto appena detto, si somma il fatto che molto spesso i genitori non riconoscono questa sensazione di fallimento. Di conseguenza, dinnanzi all’incapacità di individuare il problema, non avviene alcun intervento.

In altri casi, i genitori riconoscono l’esistenza di una sensazione di fallimento dopo tempo dall’inizio “dell’avvelenamento”. In questo caso, aiutare un figlio diventa ancora più complicato.

Ogni genitore dovrebbe ricordare che un giorno il proprio figlio seguirà il suo esempio invece del suo consiglio.

-Charles Kettering-

Come si comporta un figlio che si sente un fallito?

A volte è molto facile accorgersi che un figlio che sente di aver fallito. Egli stesso lo esprime ad alta voce e chiede aiuto perché è rimasto in un punto di stallo e non riesce a progredire. Tuttavia, potrebbe succedere che questa sensazione di fallimento passi inosservata o che i genitori non riescano a individuarla.

Allo stesso tempo, è facile che la sensazione di sconfitta si manifesti in modo indiretto: per mezzo di rapporti conflittuali con gli altri, mancanza di disciplina o comportamenti fuori dal normale. Un bambino che, ad esempio, vuole solo guardare la televisione potrebbe sentirsi pervadere da una fortissima angoscia perché sente di non riuscire in ciò che si era prefissato. D’altra parte, ricordiamo che i bambini tendono a manifestare la tristezza o il malessere attraverso la rabbia.

A volte un figlio che sente di aver fallito cresce in un ambiente in cui questo sentimento era già presente, per cui lo ha semplicemente assorbito. In un certo senso, quindi, anche i genitori o i tutori si sentono allo stesso modo. Questo è esattamente uno dei motivi per cui gli adulti potrebbero voler negare il problema: riconoscerlo e riflettere sulle sue cause e sulle conseguenze potrebbe finire con l’essere un esercizio di introspezione e di autoanalisi che -sebbene di solito dia risultati positivi- potrebbe rivelarsi costoso.
Bambino triste alla finestra

Come aiutare un figlio che si sente un fallito

L’analisi del fallimento

In realtà, il fallimento non è uno status, ma un atteggiamento. Si parla di fallimento quando l’individuo si sente sconfitto e crede non ci sia nulla da fare in proposito.

Non è una condizione innata, poiché viene appresa dalle esperienze di vita e dall’educazione ricevuta.

È normale che in alcuni momenti il bambino si dia per vinto, visto che la sua immaturità può impedirgli di dare il giusto peso ai suoi errori. Il problema nasce quando questo diventa un’abitudine.

Se un figlio si sente un fallito, c’è un’alta possibilità che il problema radichi nella sua educazione. Nello specifico, non riceve sufficienti stimoli affettivi né è accompagnato nel modo più giusto nel suo percorso di crescita. Per questo motivo non ha fiducia nelle proprie capacità e non riesce ad affrontare gli errori e a superarli.

Madre che aiuta la figlia

Imparare ad ascoltare

Un bambino con problemi nello studio o di condotta a scuola potrebbe avere bisogno di un aiuto anziché di una punizione. Le sue difficoltà possono essere sintomo di fragilità e confusione. In questo caso e in molti altri, avrebbe bisogno di comprensione, sostegno e vicinanza.

Tutto questo non si risolve portandolo da uno psicologo perché “lo faccia guarire”, sebbene questo strumento possa essere d’aiuto. Il bambino sta lanciando una richiesta di aiuto, chiede di essere supervisionato e di ricevere amore.Inevitabilmente, in parte questa situazione deve essere affrontata dai genitori, in questo ruolo non si può essere sostituiti.

Prima di portare il  bambino da uno psicologo, dando per scontato che sia un suo problema, i genitori dovrebbero prima interrogarsi sul loro atteggiamento. Per aiutare un figlio, è importante valutare i propri pregi e le proprie lacune in veste di educatori.

È altrettanto utile offrirgli gli strumenti migliori per affrontare la situazione. Se la difficoltà viene individuata in tempo e la si affronta in modo responsabile, ci saranno più possibilità che si risolva in fretta, senza lasciare macchie indelebili nella crescita del piccolo.

Fonte: https://lamenteemeravigliosa.it/aiutare-un-figlio-sente-fallito/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close