Bulimia Nervosa: Diagnosi e Trattamento

La bulimia nervosa è un disturbo alimentare caratterizzato da ripetuti episodi di eccessiva assunzione di cibo in un breve periodo di tempo.

Bulimia nervosa

La bulimia nervosa è un disturbo alimentare caratterizzato da ripetuti episodi di eccessiva assunzione di cibo in un breve periodo di tempo. Ciò è accompagnato da un’eccessiva preoccupazione per il controllo del peso corporeo. Tutto ciò induce la persona bulimica a utilizzare metodi per controllare l’aumento di peso.

La persona che soffre di bulimia si sente grassa; ha un’idea distorta del proprio corpo, sebbene possa avere un peso normale; ha sentimenti di profonda insoddisfazione verso il corpo; paura di aumentare di peso; non è in grado di controllare i suoi impulsi verso il cibo e non può resistere al desiderio di abbuffarsi.

Gli approcci terapeutici principali al disturbo bulimico sono due: quello farmacologico e quello psicoterapeutico.

La terapia cognitivo-comportamentale ha avuto molto successo. È molto importante che le persone vicine a chi soffre di questo disturbo si rechino da uno specialista. I pazienti spesso negano i sintomi e cercano di nascondere la gravità del problema.

Cos’è la bulimia?

Bulimia e anoressia sono disturbi alimentari simili. Nel caso della bulimia, il malato si somministra una grande abbuffata (eccesso di cibo) e quindi cerca in seguito di compensare con misure drastiche, come vomito indotto o esercizio fisico eccessivo per evitare di ingrassare.
Con il passare del tempo, ciò diventa pericoloso, fisicamente ed emotivamente. Può anche causare comportamenti compulsivi (ovvero comportamenti difficili da evitare).

Come viene diagnosticata?

La diagnosi è clinica. Le cause mediche che inducono a perdita del controllo verso il cibo e vomito dovrebbero essere escluse dalla bulimia.

  • Colloquio diagnostico.
  • Si scartano altre malattie attraverso: risonanza magnetica, analisi generale e specifica e valutazione da parte di altri specialisti (endocrinologi).
  • Eseguendo la diagnosi seguendo i criteri DSM (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali)

Insorgenza della bulimia nervosa

L’insorgenza della bulimia nervosa è legata ad una serie di fattori biologici (prevalentemente femmine adolescenti, la pubertà); individuale (bassa autostima, perfezionismo, disturbi affettivi, l’obesità ); la famiglia (la storia familiare, disturbi del comportamento alimentare, disturbi affettivi, abuso di alcool); questi sono tra i molti fattori che intervengono.

La persona con bulimia manifesta un livello molto elevato di ansia prima di rimpinzarsi di cibo, ma dopo in essa sorgono sentimenti di colpa e di vergogna, che la porta a mantenere il segreto.

La persona con bulimia è consapevole che il suo modo di mangiare non è normale.

Quali sono i sintomi più comuni?

I segni che indicano che una persona è affetta da bulimia sono abbuffate e assunzione di cibo eccessivo in breve tempo.
Perdita di controllo sul cibo , che a sua volta genera ansia notevole.

Il paziente può utilizzare meccanismi compensatori per controllare l’aumento di peso (uso di diuretici, lassativi, esercizio fisico eccessivo, dieta ipocalorica, periodi di digiuno, ecc.).

Oltre ai sintomi psicologici che possono presentarsi (ansia, depressione, bassa autostima …), possono verificarsi sintomi fisici come mal di testa, problemi dentali, faccia gonfia, perdita di capelli, mestruazioni irregolari, disidratazione, aritmie, ecc.

  • Distorsione dell’immagine corporea;
  • malnutrizione;
  • disturbi digestivi;
  • alterazioni biochimiche del sangue;
  • mancanza di calcio.

Cause della bulimia

La causa di questa malattia è multifattoriale e la sintomatologia clinica rappresenta la fine dell’interazione di tre tipi di fattori:

  • Predisponenti: individuale, familiare e culturale.
  • Precipitanti: situazioni di crisi, come perdite, shock emotivi o l’avvio di una dieta rigida a causa di insoddisfazione personale.
  • Fattori perpetuanti: malnutrizione clinica e sintomi affettivi associati (ansia, depressione).
  • alterazione dei livelli di alcuni neurotrasmettitori, tra cui la serotonina che possono provocare ripercussioni di tipo fisiologico.

Conseguenze sul fisico

Ci sono una serie di complicazioni mediche e rischi fisici dovuti a grave malnutrizione, come

  • disturbi gastrointestinali (binge eating, vomito, uso di lassativi);
  • problemi cardiaci;
  • cambiamenti biochimici nel sangue (basso potassio o di sodio);
  • i cambiamenti endocrini o ormonali
  • mancanza di calcio nelle ossa.

I pazienti con disturbo da bulimia hanno spesso depressione, ansia e problemi di dipendenza o disturbi del controllo degli impulsi (shopping compulsivo, cleptomania – rubare cose che non sono necessarie-, auto-mutilazione).

Cure e trattamenti

È importante affidarsi a un professionista come uno psichiatra specializzato. Viene reso necessario un piano per il recupero del peso e la rieducazione dietetica e nutrizionale.

L’assistenza che si fornisce è piuttosto stretta, per permettere un recupero del peso graduale. I controlli in questa fase sono frequenti.

Si studiano i problemi che il paziente può incontrare seguendo la dieta, così come i fattori che influenzano il disturbo da alimentazione incontrollata (binge eating), il vomito (ansia a scuola, al lavoro, problemi con i genitori o gli amici).

Oltre al miglioramento fisico del peso, della dieta e delle abitudini alimentari, viene effettuato un trattamento psichiatrico che combina psicoeducazione, psicoterapia individuale, psicoterapia di gruppo e terapia sistemica familiare.

Si può ricorrere a farmaci antidepressivi, che migliorano il binge eating, il vomito, l’umore depresso e trattano altri problemi associati.

Libri sui disturbi alimentari

Per chi volesse approfondire qui di seguito un piccolo elenco di libri che trattano in diversi modi i disturbi alimentari.

Vincere le abbuffate. Come superare il disturbo da binge eating

Christopher Fairburn, un’autorità riconosciuta nell’ambito dei disturbi alimentari, fornisce tutte le informazioni necessarie a comprendere i problemi di binge eating e a controllarli. Il testo è un manuale di facile lettura e di grande efficacia: non è prevista per esempio una dieta rigida, che fallisce quasi sempre, ma una serie di piccoli passi per abbandonare in modo ragionevole l’abitudine di assumere cibo in modo meccanico. Linee guida chiare mostrano come superare l’impulso ad abbuffarsi, introducendo uno stile alimentare sano e regolare. Ampio risalto viene dato anche alle problematiche connesse all’immagine corporea e a strategie efficaci per sviluppare – e mantenere nel tempo – una nuova relazione con il cibo e con il corpo.

Prigionieri del cibo. Riconoscere e curare il disturbo da alimentazione incontrollata

Il libro nasce con l’obiettivo di dare voce a tutte le persone che soffrono di un disordine alimentare in gran parte ancora sconosciuto: il Disturbo da Alimentazione Incontrollata (Binge Eating Disorder). Il volume presenta il lavoro innovativo del Centro DAI di Città della Pieve, prima struttura pubblica interamente dedicata al trattamento di questo disturbo, dove il tema dell’identità corporea del paziente viene affrontato con un approccio globale.

Terapia integrativa cognitivo-affettiva per la bulimia nervosa. Manuale per il trattamento

Arricchito di utili strumenti clinici, questo manuale all’avanguardia presenta un trattamento che è tanto dotato di supporto empirico quanto solidamente ancorato nelle più aggiornate conoscenze scientifiche. La terapia integrativa cognitivo affettiva per la bulimia nervosa (ICAT-BN) riserva un ruolo di primo piano alle emozioni.

L’anoressia mentale. Dalla terapia individuale alla terapia familiare

Il volume rappresenta la storica evoluzione di un percorso di ricerca. Agli inizi del suo lavoro, l’autrice sperimentò la psicoanalisi classica come terapia nei casi di anoressia mentale, ma oltre quindici anni di esperienza come psicoterapeuta individuale la indussero ad applicare una nuova metodologia, che richiede la presa in carico dell’intero nucleo familiare, e ad adottare il nuovo modello “sistemico” che tanto interesse avrebbe suscitato nell’ambiente scientifico di tutto il mondo.

L’anoressia giovanile: Una terapia efficace ed efficiente per i disturbi alimentari

L’anoressia fa paura. Spaventa non solo i genitori, ma anche i medici e gli psicoterapeuti. Paiono invece non temerla coloro che ne soffrono poiché ne sono sedotti. È paradossalmente una condizione “amata” dalle sue vittime, che quasi le riservano un culto. È una malattia in linea con i nostri tempi che affiancano abbondanza di cibo e modelli di magrezza eccessivi. L’anoressia fa paura anche perché le terapie si sono dimostrate spesso inadeguate, quando non controproducenti. In questo libro vengono presentati approcci terapeutici efficaci: sono trattamenti che distinguono tra diversi tipi di disturbi alimentari e riconoscono le caratteristiche specifiche dell’anoressia giovanile.

Fonte: https://www.psicosocial.it/bulimia-nervosa/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close