COMFORT ZONE: cos’è e perché è importante saperne uscire

La crescita personale, il successo in qualcosa, una vita migliore che stai cercando o desiderando, non si trovano nella tua zona di comfort, altrimenti le avresti già raggiunte senza difficoltà: esse si trovano fuori e per raggiungerlo devi uscire, andare oltre, altrove, più lontano e quindi  bisogna OSARE, RISCHIARE, AGIRE!

La Psicologia Comportamentale definisce la comfort zone come:

Tutti abbiamo le nostre comfort zone: la nostra casa, un luogo particolare, una stanza, l’amica di sempre, la mamma, una città, il fidanzato, la fidanzata, la moglie, il marito, un cane, la “giornata tipo”, un libro. Insomma le confort zone sono tante, tantissime e molto varie e ovviamente sono molto soggettive.

Quando ci esponiamo oltre la nostra comfort zone percepiamo uno stato di ansia e un alto livello di rischio. Quando invece al contrario evitiamo situazioni nuove ci sentiamo sollevati dal peso dell’ansia e della paura.

Tutto ciò che fa parte della nostra comfort zone ci fa quindi stare bene, a proprio agio e al sicuro. È bene averne una, anzi tante, ma allora perché è importante saperne uscire ogni tanto?

Rimanere ancorati nella nostra confort zone per molto tempo ci ingabbia in una vita prevedibile, gestibile, controllabile, conoscibile rendendo la nostra vita piatta e senza stimoli. A volte la nostra comfort zone può diventare la nostra prigione perché:

  • Non si cresce
  • Non si evolve
  • Non si cambia

Imparare ad uscire dalla nostra confort zone ci dà invece l’opportunità di crescere e imparare perché ci permette di:

  • sperimentare noi stessi in altri luoghi o situazioni.
  • Conoscere meglio noi stessi, le nostre reazioni e le nostre emozioni
  • Scoprire nuove parti di sé
  • Scoprire nuove possibilità di Essere
  • Scoprire nuove possibilità di agire
  • Individuare le nostre risorse
  • Apprendere il nuovo
  • Cambiare ed evolvere
  • Credere di più in se stessi e nelle proprie capacità
  • Accrescere l’ autostima

Questo processo non è sempre facile e immediato poiché richiede rischio e coraggio. Osare ci espone alle cadute, alle sconfitte… ma ne vale sempre la pena!

La crescita personale, il successo in qualcosa, una vita migliore che stai cercando o desiderando, non si trovano nella tua zona di comfort, altrimenti le avresti già raggiunte senza difficoltà: esse si trovano fuori e per raggiungerlo devi uscire, andare oltre, altrove, più lontano e quindi  bisogna OSARE, RISCHIARE, AGIRE!

Per farlo in modo efficace è importante farlo con consapevolezza e a piccoli passi. Farlo bruscamente potrebbe innescare troppo stress. L’obiettivo non è abbattere drasticamente la comfort zone ma allargarla gradualmente per aumentare e allargare il nostro stato di benessere.

Prova a pensare e ricordare a tutte le cose belle che hai ottenuto dalla vita, quando sei uscito dalla tua comfort zone! Come ti sei sentito dopo? Sicuramente bene e soddisfatto, vitale, energico!

La nostra comfort zone è solitamente in contrasto con quello che vogliamo realmente dalla vita. Tutti vogliamo cambiare qualcosa, ma non sempre abbiamo il coraggio di farlo realmente.

Esempi:

  • Interrompere un rapporto d’amore che non va
  • Cambiare il lavoro che non ci piace
  • Avere tanti e nuovi amici

In questi esempi illustrati il rapporto d’amore, il lavoro, la solitudine rappresentano alcune comfort zone perché queste condizioni, pur procurandoci disagio e malessere, ci danno la possibilità della prevedibilità. La prevedibilità delle cose ci permette di gestire e controllare la nostra vita, le nostre emozioni, senza esporci al rischio, a quello che è nuovo e sconosciuto, riducendo ed evitando così ansie e paure.

Quindi cosa possiamo fare in concreto per uscirne e abbandonare tutto quello che apparentemente è confortevole per noi?

Fai ogni giorno qualcosa che ti fa paura.

Fai ogni giorno qualcosa di “scomodo”, di diverso dalla tua routine.

Sperimenta le tue paure e ascolta le tue emozioni in quel momento.

 

 

Fonte: http://psicoadvisor.com/comfort-zone-cose-e-perche-e-importante-saperne-uscire-11531.html

11 pensieri riguardo “COMFORT ZONE: cos’è e perché è importante saperne uscire

  1. Buona sera. Tutto vero, verissimo. Scritto molto bene ed esaudente. Pochi eletti riescono a sconfinare questa zona, perché essa si raggiunge solo prendendo coscienza, piena coscienza di se stessi attraverso percorsi laterali alla nostra vita. Altro ostacolo ” Le persone tengono quotidianamente ricordarti quanto loro nella tua situazione non riuscirebbero ” ovviamente non riconoscendo il loro fallimento, ma buttandolo su di te.

    Piace a 1 persona

    1. Si, a volte accade anche questo… Riversano sugli altri .. i loro fallimenti…e le loro frustrazioni.
      Conoscere bene se stessi, permette di raggiungere un buon livello di consapevolezza…e da lì..si parte o si…riparte…

      Mi piace

  2. Come se avessi uno Stradivari: bellissimo post 😉
    Penso che la paura, se affrontata, sia come una porta sulla stanza della vita.

    Piace a 1 persona

  3. Una volta nelle civiltà arcaiche i riti di passaggio erano un modo per espandere la propria comfort zone e inoltre si lasciava sbagliare i figli per fare in modo che essi elaborassero la conoscenza di sé e in definitiva riuscissero a crearsi una identità propria. Ormai nella società moderna i figli non hanno la possibilità di sbagliare a causa di genitori troppo apprensivi e ciò non permette di fare esperienza dell’espansione della propria zona di comfort, anche attraverso il fallimento. La mancaza di valori e di identità delle nuove generazioni deriva proprio da questa mancanza di lavoro di rielaborazione delle proprie esperienze.

    Piace a 1 persona

    1. Già… accordissimo. Grazie per la condivisione!

      Mi piace

  4. Assolutamente vero, anche se oggi spesso si abusa del termine “comfort-zone”, che è stato quasi demonizzato. Ho scritto anch’io oggi un post sulla comfort-zone, ma ho affrontato il concetto da una prospettiva diversa: e se fosse positiva? e se fosse necessaria per la nostra salute mentale? Tu cosa ne pensi? 😁

    Mi piace

    1. Se la tua prospettiva di visione sulla comfort-zone è positiva, sicuramente avrà un impatto differente nella tua quotidianità, rispetto all’articolo condiviso da me. Grazie per la tua “altra visione”.

      Piace a 1 persona

  5. Non sono poi così convinta di questa storia di uscire dalla confort zone, che va tanto di moda… Io inseguo il mio confort, ma si sa, ogni testa è tribunale….

    Piace a 1 persona

    1. Ogni situazione poi, va contestualizzata…

      Mi piace

  6. Sono assolutamente d’accordo con tutto quello che hai scritto…e pensa la frase “Ogni giorno fai qualcosa che ti spaventa” è diventata il mio cavallo di battaglia ; )
    Complimenti per l’articolo!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close