Una persona che impara a stare bene da sola non si accontenta più della compagnia di chiunque.

Una persona che riesce a stare bene da sola è una persona che ha imparato a conoscersi e, soprattutto, ad accettarsi. Ha imparato ad affrontare i propri fantasmi del passato, a volersi bene anche senza una persona accanto.

La solitudine può essere una tremenda condanna o una meravigliosa conquista. (Bernardo Bertolucci)

Imparare a stare bene da soli è una delle più grandi battaglie della vita. Esistono diversi tipi di solitudine, quella voluta, quella indotta e poi, la peggiore, quella ricorrente nonostante la presenza di qualcuno nella propria vita. Ci si sente veramente soli quando quando si ha accanto qualcuno che non da valore al nostro tempo.

 

Nonostante i rumori quotidiani del mondo troppo spesso i nostri pensieri rimbombano nella mente facendo troppo rumore e, generalmente, quelli più ricorrenti, sono proprio i pensieri che ci fanno più male. Ed è allora che si tende a riempire i propri spai vuoti, con persone, situazioni, interessi e molto altro. Di tutto pur di non sentire ancora e ancora quel dolore. La sofferenza mentale è spesso paralizzante, perchè ti tocca proprio nella parte più intima di te. Affonda lentamente dentro noi stessi ancorando le proprie radici saldamente e – a tratti – ci impedisce di respirare.

Corrono come se avessero il fuoco sotto il sedere in cerca di qualcosa che non si trova.Si tratta fondamentalmente della paura di affrontare se stessi,si tratta fondamentalmente della paura di essere soli. (Charles Bukowski)

Chi rifugge la solitudine è generalmente una persona che soffre e quando una persona prova una morsa lancinante allo stomaco farebbe qualsiasi cosa per avere uno spiraglio di luce. Rimanere da soli con se stessi fa paura, perché costringe ad avere a che fare con le proprie paure, quelle più nascoste, quelle che cerchiamo ogni giorno di soffocare dentro noi stessi.

La solitudine è come una lente d’ingrandimento: se sei solo e stai bene stai benissimo, se sei solo e stai male stai malissimo. (Giacomo Leopardi)

Una persona che riesce a stare bene da sola è una persona che ha imparato a conoscersi e, soprattutto, ad accettarsi. Ha imparato ad affrontare i propri fantasmi del passato, a volersi bene anche senza una persona accanto. Occorre parecchia forza per riuscire ad amare la propria solitudine. Solo una persona che ha veramente toccato il fondo è in grado poi di assaporare veramente la solitudine, e quando la solitudine è diventata una compagnia fedele anziché una nemica si inizia a dare valore al proprio tempo. Non ci si circonda più di false presenze. Non si scende più a compromessi con se stessi. Non ci si rassegna ad una presenza altalenante che ci fa comunque sentire soli.

Pensavo che la cosa peggiore nella vita fosse restare solo. No, non lo è. Ho scoperto invece che la cosa peggiore nella vita è quella di finire con persone che ti fanno sentire veramente solo. (Robin Williams)

 

Fonte: http://www.tuttorete.info/2018/04/05/una-persona-che-impara-a-stare-bene-da-sola-non-si-accontenta-piu-della-compagnia-di-chiunque/

3 pensieri riguardo “Una persona che impara a stare bene da sola non si accontenta più della compagnia di chiunque.

  1. Quand’ero in compagnia, tremavo al pensiero di rimanere solo; poi, sono rimasto solo, non tanto fisicamente, quanto emotivamente; sì, ne ho sofferto, e non poco. Ora, all’improvviso, potrei tornare in compagnia, ma tremo all’idea 🙂
    Sì, lo so, sono inguaribilmente contraddittorio, ma mi piace l’idea di non aspettarmi niente neanche da me stesso.
    Ps: è un piacere leggere i tuoi post, perché danno sempre lo spunto per una riflessione; pian piano, tempo permettendo, andrò a ritroso nel tempo del tuo scrivere.

    Mi piace

    1. Grazie! quando hai tempo e voglia, dai un’occhiata. Per il fatto che “temi all’idea di tornare in compagnia”, fai un passo alla volta. Prendi atto eventualmente di “che cosa ti può far paura” e che “ogni storia è a sé”. Sono sicura che dalla tua storia precedente, hai imparato molto, che sicuramente non riproporrai nella tua storia di oggi.

      Mi piace

      1. Infatti, è la mia storia di ieri…
        Petrolini cantava “son contento di morire, ma mi dispiace, mi dispiace di morire ma son contento ” …😉
        Non ho paura ormai, forse non sono del tutto convinto, anche se ho fatto di tutto perché ciò accadesse.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close